Quali sono i libri fondamentali per la formazione di un architetto?

Il 5 agosto abbiamo lanciato il sondaggio Quali sono i libri fondamentali per la formazione di un architetto?

In 48 ore, avete risposto in 1367. Eccovi i primi risultati.

Ciascuno ha i suoi libri preferiti, quelli che svelano dove ha studiato e con quali ha costruito la propria cultura da architetto. Ma quali sono, tra i tanti, i fondamentali?

Gli otto libri più votati sono davvero dei classici, universali e trasversali, tanto che tre di essi non sono nemmeno scritti da architetti.

Le Corbusier, Adolf Loos, Aldo Rossi sono i primi tre autori più votati e, a seguire, Italo Calvino, Siegfried Giedion, Manfredo Tafuri, Bruno Munari, Gio Ponti e Ludwig Hilberseimer. 
Non siamo stupiti dal sapere che almeno la metà di voi abbia scelto Verso una Architettura come libro supra omnia. Come se fosse la Bibbia da tenere sul comodino, questo libro scritto da Le Corbusier nel 1923 (e tradotto per la prima volta in italiano soltanto nel 1973) raccoglie idee e immagini assolutamente attuali se non più rivoluzionarie.
Tuttavia, è stato un misto di gioia e stupore trovare Italo Calvino al quarto posto, per due ragioni. Primo, le sue Lezioni Americane, votate da 359 utenti, non sono un libro d’architettura e, secondo, nonostante avessimo deciso di non inserire Le Città Invisibili tra le proposte, questo è stato il libro più citato da chi di voi ha scelto di votarne uno fuori lista.

Sul resto della classifica potremmo dilungarci molto e farne un'analisi accurata, a tratti farcita di soddisfazione e a tratti di intellettual dissenso. Nonostante la tentazione, possiamo trarre alcune, anzi tre, brevi considerazioni.   
Scrivere d’architettura è ancora un fatto tutto europeo. Salvo alcuni autori americani, la storia e la critica e la teoria dell’architettura continua ad appartenere alle scuole europee e i grandi maestri restano un fermo riferimento per gli architetti di oggi.   
C’è un rapporto così solido e continuo tra architettura, musica, letteratura, fotografia che ci è sembrato naturale immaginare che avreste votato i libri di Walter Benjamin, Alberto Savinio, Igor Stravinsky, Paul Valery o Wassily Kandinsky. Tuttavia non è stato così.

L’unica eccezione è Italo Calvino che, se non avesse scritto di città immaginarie e insieme così vere, forse non sarebbe un riferimento tanto importante e noi non avremmo imparato tanto dalle sue Lezioni Americane. Per diventare bravi architetti, bisogna leggere solo testi d’architettura, ne siamo sicuri?   
Siamo legati alla storia ed alla tradizione. Alcuni di voi hanno proposto come libri fondamentali i trattati di Vitruvio, Alberti e Palladio; altri i testi di Ruskin e Brandi. Se l’Architettura della Città di Aldo Rossi è al terzo posto significa che siamo figli di una tradizione che abbraccia il moderno e dialoga con la storia.

Sarebbe emerso lo stesso se avessimo proposto il sondaggio non in italiano ma in inglese, all’intera comunità di architetti internazionali?   
Per ora, eccovi quanto è emerso.

1° : Le Corbusier, Verso una Architettura - 650 voti 
2° : Adolf Loos, Parole nel Vuoto - 498 voti  
3° : Aldo Rossi, L’architettura della città - 475 voti 
4° : Italo Calvino, Lezioni americane. Sei proposte per il prossimo millennio - 361 voti  
5° : Siegfried Giedion, Spazio, tempo ed architettura - 358 voti  
6° : Manfredo Tafuri, Storia dell'architettura italiana - 348 voti  
7° : Bruno Munari, Da cosa nasce cosa. Appunti per una metodologia progettuale - 327 voti  
8° : Gio Ponti, Amate l'architettura - 320 voti  
9° : Ludwig Hilberseimer, Mies van der Rohe - 258 voti 
10° : Rem Koolhaas, Bruce Mau, S, M, L, XL - 254 voti  
11° : Heinrich Tessenow, Osservazioni elementari sul costruire - 240 voti  
12° : Robert Venturi e Denise Scott Brown, Imparare da Las Vegas - 218 voti 
13° : Walter Benjamin, L’opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica - 196 voti  
14° : Giorgio Grassi, La costruzione logica dell'architettura - 182 voti  
15° : Paul Valéry, Eupalinos o l'architetto - 163 voti  
16° : Bernard Rudofsky, Architecture Without Architects - 144 voti  
17° : Ernesto Nathan Rogers, Esperienza dell'architettura - 133 voti  
18° : Luis H. Sullivan, The Autobiography of an Idea - 67 voti 
19° : Igor Stravinsky, La poetica della Musica - 66 voti   
20° : Roland Barthes, Miti d’oggi - 63 voti  
21° : Tomás Maldonado, Reale e virtuale - 62 voti  
22° : Colin Rowe, The Mathematics of the Ideal Villa - 56 voti  
23° : Hannes Meyer, Architettura o rivoluzione - 55 voti  
24° : Georg Simmel, Le metropoli e la vita dello spirito - 51 voti 
25° : Steen Eiler Rasmussen, Architettura come esperienza - 47 voti  
26° : Alberto Savinio, Ascolto il tuo cuore, città - 43 voti  


Oltre a questi 26 libri, molti di voi ne hanno suggeriti altri. Ve li elenchiamo qui.

Italo Calvino, Le città invisibili - 17 voti   
Rem Koolhaas, Delirious New York - 11 voti   
Bruno Zevi, Saper vedere l’architettura - 10 voti 
Marco Vitruvio Pollione, De architectura - 6 voti 
Ludovico Quaroni, Progettare un edificio / Otto lezioni di architettura - 6 voti 
Frank L. Wright, An autobiography - 6 voti   
Leon Battista Alberti, De Re Aedificatoria - 5 voti 
Antonio Monestiroli, La metopa e il triglifo - 5 voti 
Robert Venturi, Complessità e contraddizioni - 5 voti 
Andrea Palladio, I quattro libri dell’architettura - 4 voti 
Peter Zumthor, Atmosfere - 4 voti

Questi risultati si riferiscono a lunedì 10 agosto.
Guarda la classifica aggiornata in tempo reale e, se non l’hai ancora fatto, partecipa al sondaggioQuali sono i libri fondamentali per la formazione di un architetto?
Mentioned Books
The Work of Art in the Age of Mechanical Reproduction Walter Benjamin
The Work of Art in the Age of Mechanical Reproduction
Walter Benjamin

Paperback: 128 pages
Reprinted edition (1994)
Language: English
Translation: J.A. Underwood
Original language: German
Dimensions: 11 x 0.8 x 17.9 cm
ASIN: B00CF68BKS

Learning From Las Vegas The Forgotten Symbolism of Architectural Form Robert Venturi, Denise Scott Brown and Steven Izenour
Learning From Las Vegas
The Forgotten Symbolism of Architectural Form
Robert Venturi, Denise Scott Brown and Steven Izenour

Paperback: 193 pages
Revised edition (June 1977)
Language: English
Dimensions: 6 x 0.4 x 9 inches
ISBN-13: 9780262720069

House Building and Such Things In "On Rigor" Heinrich Tessenow, (editors) Richard Burdett and Wilfried Wang
House Building and Such Things
In "On Rigor"
Heinrich Tessenow, (editors) Richard Burdett and Wilfried Wang

Paperback: 188 pages
First edition (February 1990)
Language: English
Dimensions: 10.9 x 8.4 x 0.6 inches
ISBN-13: 9780262521383

S,M,L,XL Rem Koolhaas, Bruce Mau
S,M,L,XL
Rem Koolhaas, Bruce Mau

Hardcover: 1376 pages
Second edition (October 1997)
Language: English
Dimensions: 7.2 x 2.8 x 9.4 inches
ISBN-13: 9781885254863

Mies van der Rohe Ludwig Hilberseimer
Mies van der Rohe
Ludwig Hilberseimer

Hardcover: 199 pages
First edition (1956)
Language: English
Product Dimensions: 11.3 x 8.8 x 1 inches
ASIN: B0007DNYQ2

Amate l'architettura L'architettura è un cristallo Gio Ponti
Amate l'architettura
L'architettura è un cristallo
Gio Ponti

Hardcover: 319 pages
Reprinted edition (2004)
Language: Italian
Dimensions: 7.3 x 5.7 x 1.3 inches
ISBN-13: 9788817027755

Da cosa nasce cosa Appunti per una metodologia progettuale Bruno Munari
Da cosa nasce cosa
Appunti per una metodologia progettuale
Bruno Munari

Paperback: 386 pages
Reprinted edition (2016)
Language: Italian
Dimensions: 5.6 x 1.2 x 8.2 inches
ISBN-13: 9788842051176

Six Memos for the Next Millennium Italo Calvino
Six Memos for the Next Millennium
Italo Calvino

Reprint edition (1994)
Paperback: 144 pages
ASIN: B00DJFLVX8

Toward an Architecture Le Corbusier, Jean-Louis Cohen (introduction)
Toward an Architecture
Le Corbusier, Jean-Louis Cohen (introduction)

Paperback: 358 pages
Translated edition (October 2007)
Language: English
Translatation: John Goodman
Original language: French
Dimensions: 7 x 1.3 x 10 inches
ISBN-13: 9780892368228

×