Dock's Light Box

Modulo Assereto

Photos by Ernesta Caviola
Studio 4, Ernesta Caviola · Dock's Light Box
Ernesta Caviola

Il progetto
"Docks light box" è una scatola di luce e colore che individua una serie di servizi per i turisti in attesa di imbarcarsi dalle banchine del porto di Genova: un sistema di risalita (scale e ascensore), i servizi igienici e un punto di presidio informativo della Grimaldi.

Studio 4, Ernesta Caviola · Dock's Light Box
Ernesta Caviola

Per capire esattamente l’iter elaborativo del progetto bisogna considerare alcuni elementi fondamentali:
• Il tema generale che sottende l’intero intervento è quello del viaggio, della partenza e/o del ritorno, tema fortemente legato alla visione che di Genova e del suo Porto si ha nell’immaginario collettivo.
• Il territorio su cui ci si muove è quello delle banchine del Porto di Genova, dinamico, mutevole e caotico per definizione.

Studio 4, Ernesta Caviola · Dock's Light Box
Ernesta Caviola

Con questi presupposti la soluzione proposta dal nostro studio mira a realizzare un oggetto capace di diventare “land mark” nel territorio caotico delle banchine.

Studio 4, Ernesta Caviola · Dock's Light Box
Ernesta Caviola

Particolarmente nello studio di "Dock’s light box", si è cercato di lavorare, con gli strumenti propri dell’architetto, su gli elementi capaci di enfatizzarne la riconoscibilità di un opera di architettura:

I materiali
La scelta dei materiali è andata verso quelli più brutali e resistenti, tipici del contesto portuale, in grado di resistere all’usura del tempo, soprattutto nelle zone più a contatto con il pubblico.
Così l’acciaio per le strutture, la lamiera stirata in alluminio, materiale rude che dona però imprevedibili giochi di opacità e trasparenze se abbinata con l’uso sapiente della luce, e ancora il cemento, le resine e gli smalti per le finiture contribuiscono a raggiungero lo scopo.

Studio 4, Ernesta Caviola · Dock's Light Box
Ernesta Caviola

La grafica
L’uso intenzionale di una macro-grafica “urlata” e di una gamma di colori forti tende a molteplici obbiettivi:

  1. sdrammatizza ironicamente con un linguaggio elementare la forza dei segni, volutamente “puri” nel caos delle banchine e ne aumenta al contempo la riconoscibilità.
  2. evidenzia le diverse componenti degli oggetti e nega una lettura degli stessi in chiave meramente “funzionalista”.
Studio 4, Ernesta Caviola · Dock's Light Box
Ernesta Caviola

L’illuminazione
Un cenno infine merita l’uso della luce, elemento troppo spesso trascurato o relegato alla mera funzionalità.
Grazie anche alle precedenti nostre esperienze con lo studio Castiglioni e alla attiva collaborazione in vari progetti con i team tecnici di Philips Lighting e de I Guzzini, è stata attentamente studiata l’integrazione fra i corpi illuminanti e il dettaglio architettonico, con l’obbiettivo di connotare fortemente gli oggetti nella visione notturna e da distante.
La luce, scenografica e dal grande potere evocativo, si esprime in questo progetto a pieno titolo quale materia prima della composizione architettonica.
"Dock’s light box", è divenuto, con il corretto utilizzo della luce, soprattutto nella visione notturna, un involucro trasparente, inondato di luce, smaterializzato e presente. Attraente come un faro e coinvolgente. Capace di rendere unica l’esperienza di transito all’interno della scatola luminosa per scendere dal livello della città a quello della banchina.

Studio 4, Ernesta Caviola · Dock's Light Box
Ernesta Caviola

Studio 4, Ernesta Caviola · Dock's Light Box
Ernesta Caviola
Studio 4, Ernesta Caviola · Dock's Light Box
Ernesta Caviola
×