Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi) · Centro congressi Roma-EUR
Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi)

Progetto con motto: THINKDIFFERENT@IT

Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi) · Centro congressi Roma-EUR
Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi)

idea urbana
idea dell’edificio
idea della sala convegni
gli accessi
la distribuzione interna
la piazza coperta

Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi) · Centro congressi Roma-EUR
Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi)

“L’IDEA URBANA”:
Un mega schermo “urbano” posto su una torre monolitica segnala, con luci ed immagini, il Centro congressi alla metropoli.
Esso può essere usato di sera per proporre rappresentazioni multimediali, film, news, immagini ed eventi mondiali, collegamenti al world wide web che si possono vedere dalla terrazza panoramica dell’edificio e notare dalla città; la torre con lo schermo può diventare un segnale urbano ed un simbolo per la Roma del nuovo millennio, evocando o materializzando quelle scene cinematografiche che ormai fanno parte dell’ immaginario collettivo.

Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi) · Centro congressi Roma-EUR
Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi)

LA TORRE
La torre é costituita da un parallelepipedo di circa 10 x 40 metri di base e 70 m di altezza con una cavità di grandi dimensioni (20x30 m) posta nella parte finale della stessa. All’interno di questo “vuoto” passano gli ascensori panoramici che portano sul tetto dell’edificio e permettono di vedere, in movimento, il centro congressi e la città dall’alto. Gli ultimi piani della torre sono usati come ristorante e terrazza panoramica.
Di giorno é possibile osservare il cielo e le nuvole “inquadrate” all’interno della cornice, mentre di notte un mega schermo controventato da 3 “carriponte” si srotola per preparare la superficie su cui proiettare le immagini.
La vela dello schermo sarà costituita da un apposito materiale a maglia forata che permetta il passaggio dell’aria diminuendo la spinta del vento.
All’interno della torre trovano posto: ristorante, bar, uffici amministrativi e congressuali, fitness center, nursery, pronto soccorso e accoglienza.
LE PROIUEZIONI AVVENGONO

Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi) · Centro congressi Roma-EUR
Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi)

IL CENTRO CONGRESSI
Tutto il centro congressi trova posto sotto una grande copertura opaca di forma rettangolare sostenuta da una struttura metallica e da colonne posizionate su una maglia quadrata di 12,5 metri di lato. Una scatola di vetro situata sopra un basamento di 2,5 m di altezza chiude perimetralmente il complesso.
Si é privilegiata come zona di accesso pedonale quella verso Viale Europa, sia per la sua posizione di vicinanza alla metropolitana sia per la maggiore rappresentatività del viale e sia per la sua esposizione a sud.
Da questo lato, per tutta la lunghezza dell’edificio, si trovano una strada di servizio, affiancata su un lato da parcheggi per l’arrivo veloce di persone, per lo stazionamento dei taxi e delle autoambulanze, per il passaggio di autobus. Si trova quindi un secondo marciapiede di 8 metri di larghezza e una scalinata di altri 8 metri che porta alla zona commerciale e agli accessi al centro congressi posti a +2 metri di altezza.
Sempre dallo stesso lato, in corrispondenza di viale Boston, a livello della strada é situato l’accesso principale alla “piazza coperta passante” ed al centro congressi, segnalato da una interruzzione della scalinata e da altri elementi architettonici. Una rampa in leggera pendenza introduce alla piazza coperta, alle entrate alla torre e al foyer della sala principale del centro congressi.

Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi) · Centro congressi Roma-EUR
Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi)

PIANI DIFFERENTI PER LE VARIE FUNZIONI:
QUOTA - 2,3 M. LA PIAZZA COPERTA, QUOTA + 2,5 M. IL CENTRO CONGRESSI.
Un sistema di piani ad altezze differenti all’interno dell’edificio permette di strutturare gli spazi a seconda delle esigenze.
La piazza, vero e proprio fulcro distributivo, su cui si affacciano il foyer della sala principale, l’ingresso della torre, negozi, ballatoi e piazzette rialzate, può, all’occorrenza diventare sculpture garden, luogo di aggrgazione e, assieme a tutti gli affacci su di essa, “sala”per convention da 10.000 persone.
É possibile anche attraversare l’edificio da sud a nord, andare da viale Europa a viale Asia, passare dalla piazza coperta senza interferire con le attività del centro congressi che si svolgono più in alto alla quota +2,5 m.
All’interno del centro, verso sud, vi sono zone commerciali che possono aprirsi sia alla strada che all’interno dell’edificio permettendo versatilità e adattamento alle esigenze e ai calendari organizzativi delle varie attività convegnistiche.
Nei piani intermedi, sopra le sale convegni fisse trovano posto zone di ristoro, ristoranti e bar.
I piani alti, sotto la copertura sono stati organizzati in maniera da essere ampiamente trasformabili ed utilizzabili per esposizioni, mostre, piccole sale convegni, sia in maniera indipendente che unitaria.

Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi) · Centro congressi Roma-EUR
Abw Architetti Associati (Alberto Burro + Alessandra Bertoldi)

RAFFRESCAMENTO NATURALE
Un sistema di aperture circolari nella copertura permettono l’illuminazione naturale anche nelle zone più interne dell’edificio.
Prese d’aria poste nella zona a nord del complesso e nelle zone in ombra permettono di fare entrare aria fresca che, una volta riscaldatasi negli spazi aperti del centro, muovendosi verso l’alto, potrà uscire grazie ad un sistema di griglie apribili poste attorno ai “coni” della copertura da cui passa la luce.
In questo modo, all’occorenza, si potrà garantire un buon riciclo d’aria e un buon raffrescamento naturale nelle stagioni intermedie.

LA SALA CONVEGNI
Unico elemento con geometrie non ortogonali del centro é la sala principale per 2500 persone che é stata ricavata all’interno di una struttura plastica che ospita anche due sale minori. Questo elemento, realizzato con una maglia composta da strutture reticolari é staccato dal terreno sottostante e si appoggia su colonne che ne garantiscono il sostegno.
Sotto questo elemento si trova il foyer principale del centro congressi. L’elemento plastico é tagliato nella parte superiore da una fenditura di 3x30 metri che permette alla luce zenitale di penetrare ed illuminare con fasci potenti il foyer sottostante come avviene nelle aperture verso l’alto che illuminano le grotte ipogee.
Un grande numero di scale permette l’evacuazione veloce delle persone all’interno della sala.

Le stesse scale permettono di raggiungere la copertura sopra la quale si trovano una zona gradonata per la visione delle proiezioni e una terrazza panoramica da usarsi anche per feste.

ACCESSI CARRAI
Per quanto riguarda i parcheggi necessari richiesti dal bando gli stessi sono ricavati in 2 piani sotterranei a cui si accede da rampe poste in viale Shakespeare e viale Cristoforo Colombo collegate direttamente a viale Europa e viale Asia.

×