HFBM - houseframe

Residenza privata unifamiliare - Reggio Emilia

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
© Marco Borghi

All’interno del quartiere Bell’albero di Reggio Emilia si configura un nuovo intervento di ristrutturazione edilizia, che ridisegna le facciate dell’edificio attraverso il concetto di cornice (frame).

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
NAT OFFICE - christian gasparini architetto

L’edificio fa parte di un piano residenziale di quartiere degli anni 60/70, definito da lotti singoli affacciati su una strada principale di penetrazione.

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
© Marco Borghi

Il fabbricato ha asse perpendicolare alla strada est-ovest e si affaccia sui lati lunghi, sul giardino a sud e sul cortile di forma allungata a nord, spazio di accesso carrabile ai garages.

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
NAT OFFICE - christian gasparini architetto

Tale corpo di fabbrica, piuttosto incoerente e disarticolato rispetto all’edificio originario, determina la necessità di un recupero del fabbricato con finalità strutturali (sistema di interventi locali antisismici e statici) e tecnologiche che creano una caratterizzazione architettonico-spaziale grazie all’uso dei sistemi di coibentazione e isolamento termico.

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
© Marco Borghi

Il rivestimento esterno si stacca dalle pareti perimetrali e riconfigura attraverso una serie di cornici, i prospetti dell’edificio in funzione bioclimatica, donando un carattere al fabbricato. Le cornici si pongono in continuità con la copertura, generando un sistema bipartito in facciata, che si affaccia sullo spazio verde a sud e sul cortile a nord, mantenendo una maggiore opacità ad ovest.

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
NAT OFFICE - christian gasparini architetto

Ad ovest il progetto elimina la copertura del corpo addossato, perché incongruente e ammalorata, così da trasformare lo spazio chiuso del sottotetto in un giardino pensile, nuovo luogo di riunione e svago.

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
© Marco Borghi

Tale operazione permette fra l’altro, di alleggerire il peso dei solai sulle strutture verticali esistenti, migliorando il comportamento statico e antisismico del sistema.

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
NAT OFFICE - christian gasparini architetto

Il lato est di accesso carrabile e pedonale al lotto, si configura invece sulla base degli allineamenti della copertura che diventano due frames sfalsati legati al balcone preesistente e alle aperture del piano terra.

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
© Marco Borghi

I fronti nord e sud riconfigurano l’assemblaggio dei due corpi di fabbrica, parte originaria e propaggine ovest, lavorando sulla profondità del rivestimento e sugli sbalzi.

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
NAT OFFICE - christian gasparini architetto

NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
© Marco Borghi
NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
NAT OFFICE - christian gasparini architetto
NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
© Marco Borghi
NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
NAT OFFICE - christian gasparini architetto
NAT OFFICE - christian gasparini architetto · HFBM - houseframe
© Marco Borghi
×